...Perché noi siamo furbi!
LA CHIESA DI DIO

S. Celestino   19/5/2024

 

Celestino V - Pietro di Morrone Eremita e Papa

Comune

Isernia, 1215 - Rovva di Fumone (Frosinone), 19 maggio 1296

(Papa dal 29/08/1294 al 13/12/1294)
Pietro da Morrone, sacerdote, condusse vita eremitica. Diede vita allOrdine dei Fratelli dello Spirito Santo (denominati poi Celestini ), approvato da Urbano IV, e fond vari eremi. Eletto papa quasi ottantenne, dopo due anni di conclave, prese il nome di Celestino V e, uomo santo e pio, si trov di fronte ad interessi politici ed economici e a ingerenze anche di Carlo dAngi. Accortosi delle manovre legate alla sua persona, rinunzi alla carica, morendo poco dopo in isolamento coatto nel castello di Fumone. Giudicato severamente da Dante come colui che per viltade fece il gran rifiuto , oggi si parla di lui come di un uomo di straordinaria fede e forza danimo, esempio eroico di umilt e di buon senso.

Patronato: Isernia

Etimologia: Celestino = venuto dal cielo, dal latino

Martirologio Romano: A Fumone vicino ad Alatri nel Lazio, anniversario della morte di san Pietro Celestino, che, dopo aver praticato vita eremitica in Abruzzo, celebre per fama di santit e di miracoli, ottuagenario fu eletto Romano Pontefice, assumendo il nome di Celestino V, ma nello stesso anno abdic dal suo incarico preferndo ritirarsi in solitudine.

San Celestino V - Pietro di Morrone.jpg

E meglio smettere di compatirlo come un caro sempliciotto, vittima di cose pi grandi di lui. Piuttosto, quelle cose che lo circondano re, cardinali, intrighi sono piccole e scadenti di fronte a questo Pietro dAngelerio, molisano, papa per pochi mesi. Nato da campagnoli con molti figli, ha poi studiato dai Benedettini di Faifoli (oggi in provincia di Campobasso, all'epoca in diocesi di Benevento) e pi tardi va a Roma, dove riceve il sacerdozio nel 1239, con lautorizzazione alla vita eremitica, che intraprende sul Monte Morrone, dominante la conca di Sulmona.
Ma tra quei dirupi la sua fama chiama altri solitari, che lui organizza in comunit come Eremiti di San Damiano (detti poi Celestini e durati fino al 1807). Nel 1273, poi, va al Concilio di Lione: e l, trattando personalmente con papa Gregorio X, ottiene lapprovazione per la sua comunit. Sa spiegarsi e convincere, a tutti i livelli.
Morto nellaprile 1292 papa Nicol IV, i superstiti 12 cardinali riuniti a Perugia litigano due anni senza accordarsi per la successione, finch ricevono una lettera di durissimi rimproveri, con linvito a dare subito alla Chiesa un capo degno. La lettera di Pietro da Morrone, e allora i cardinali fanno Papa lui, eletto il 5 luglio 1294 col nome di Celestino V. Ma dietro liniziativa della lettera c un tipo di dubbia spiritualit: Carlo II dAngi, re di Napoli, che conta su un Papa accomodante per togliere la Sicilia agli Aragonesi. Infatti, eccolo gestire Celestino V a modo suo: il settantanovenne Pontefice accetta dessere incoronato allAquila (territorio di Carlo II), di nominare 12 cardinali in gran parte francesi, e di risiedere a Napoli invece che a Roma. Prelati vecchi e nuovi continuano a far politica come prima; alcuni Celestini esagerano con le pretese, coprendosi con lautorit papale...
Ma questo semplice, vacillante per let, capisce presto. Si scopre impotente, ingannato, usato. Riflette, interroga, si interroga... E decide, respingendo suppliche e intimazioni: il 13 dicembre ecco la rinuncia al pontificato, ecco Celestino che torna Pietro, ecco il vecchio saio al posto del gran manto. E finisce per ora tutto un giro di inganni e ipocrisie laiche ed ecclesiastiche, con questo gran rifiuto che Dante attribuir a viltade (se poi vero che il verso famoso si riferisse a lui). Ma per il protestante Gregorovius "in quel momento egli apparve in tutta la sua vera grandezza". Vorrebbe tornare al suo eremo, come gli ha promesso il successore Bonifacio VIII. Ma costui sporca il proprio nome facendo di lui un prigioniero in varie reclusioni, fino allultima di Fumone, presso Anagni, dove morir. Rapidamente, come per un bisogno di riparazione, la Chiesa proclamer santo Papa Celestino gi nel 1313. E il suo corpo, dopo vari trasferimenti, avr riposo definitivo nella chiesa di Santa Maria di Collemaggio, allAquila, dovera stato incoronato.


Autore:
Domenico Agasso