...Perché noi siamo furbi!
LA CHIESA DI DIO

S. Desiderio   23/5/2020

 

San Desiderio di Langres (o da Genova) Vescovo e martire

Sec. IV

Desiderio, nato a Genova nella delegazione che ancora oggi porta il suo nome, sarebbe stato terzo vescovo di Langres. Partecip al Concilio di Sardica, in cui si tratt della dottrina ariana e fu discussa la causa di sant'Atanasio, secondo la testimonianza dello stesso vescovo di Alessandria.
Circa la met del IV secolo fu trucidato e decapitato, donando cos la vita per il suo gregge.


Emblema: Bastone pastorale, Palma

Martirologio Romano: Presso Langres nella Gallia lugdunense, ora in Francia, passione di san Desiderio, vescovo, che, come si tramanda, vedendo il suo popolo oppresso dai Vandali, si rec dal loro re per supplicarlo, ma, per ordine di costui, fu immediatamente sgozzato, offrendosi serenamente per il bene del gregge a lui affidato.

San Desiderio

La sua esistenza nel secolo IV, garantita da s. Atanasio che lo indica come partecipante e sottoscrittore del Concilio di Sardica nel 343; il suo nome compare anche negli atti del pseudo-concilio di Colonia del 346.
S. Desiderio occupa il terzo posto nella lista dei vescovi di Langres (Francia), sembra fosse originario dei dintorni di Genova e designato miracolosamente alla sede episcopale di Langres.
Un chierico della suddetta citt di nome Varnacario, scrisse allinizio del VII secolo, un racconto del suo martirio, basandosi su tradizioni locali; secondo questo Varnacario, il vescovo Desiderio sarebbe stato decapitato durante uninvasione dei Vandali guidati da Croco; ma ci fu senzaltro una confusione nelle tradizioni locali, perch Langres ebbe diverse invasioni barbariche e quella degli Alemanni comandati dal vero Croco (298-307) non corrisponde alle date della sua permanenza come vescovo di Langres, probabilmente si tratta dellinvasione dei Germani del 355-357, respinta dallimperatore Giuliano lApostata.
Una leggenda dice che dopo la sua decapitazione, il santo vescovo, come tanti altri cefalofori, raccolse la sua testa e rientr in citt, attraverso una fenditura della roccia che si era aperta per farlo passare, tale apertura viene ancora oggi mostrata.
Il culto di s. Desiderio di Langres certamente anteriore al secolo VII e il Martirologio Geronimiano lo riportava all11 febbraio; ma nel secolo IX per lerrore di un copista ripetuto poi in seguito, ci fu uno scambio con san Desiderio di Vienne, ricordato pure all11 febbraio, finch si decise di lasciare il santo di Vienne a questa data e trasportare al 23 maggio la celebrazione del vescovo di Langres, data che fu definitivamente inserita nel Martirologio Romano; la citt di Langres lo ricorda inoltre il 19 gennaio, anniversario della traslazione delle reliquie di s. Desiderio avvenuta nel 1315.
Il suo culto si diffuse non solo in Francia, ma anche in Italia, Svizzera, Germania; patrono della citt di Langres e molte chiese della diocesi sono a lui intitolate; la sua tomba era custodita in un priorato benedettino posto al centro della citt; nel 1354 fu fondata in suo onore una celebre confraternita a cui si iscrissero re e principi.
San Desiderio era invocato come testimone della verit dei giuramenti e come protettore nei parti difficili.


Autore:
Antonio Borrelli